Idee per l'arredamento - Come restaurare un mobile in stile vintage

11:33:00 Laura Leone 0 Comments


Idee per l'arredamento - Come restaurare un mobile in stile vintage

Restaurare un mobile vintage in stile shabby chic Prima e dopo

Oggi vi faremo vedere come trasformare un vecchio mobile in stile vintage, un pò shabby chic, abbastanza semplice da poter essere inserito in qualsiasi contesto.

Per ottenere un buon lavoro, rispettando tutti i tempi di posa il tempo impiegato sarà di circa 1 settimana.

FASE 1: IL MOBILE

Per prima cosa vi serve il MOBILE. 
Quindi avete due possibilità: o cercate un mobile a seconda di quelle che sono le vostre esigenze, oppure andate alla ricerca di qualcosa che vi ispiri a prescindere dall'uso finale che ne farete!

Per la ricerca del mobile l'ideale è cercare nei mercatini dell'usato, sui siti di annunci di usato specializzati, nei mercatini delle pulci della vostra città. E un consiglio: per sentirvi veramente soddisfatti dal risultato il mobile vi deve costare il meno possibile! Quando vedrete il risultato finale, anche se non siete degli esperti, sarete veramente entusiasti!

Noi ne abbiamo trovato uno perfetto in un negozio di vendite fallimentari. Siamo state dentro a girare per ore tra sedie e mobili distrutti, abbiamo trattato sul prezzo per buoni 15 minuti e l'abbiamo portato via per 25 euro circa. 
Carrello mobile da restaurare in stile vintage shabby chic

Non male, ma si può trovare di meglio!

Altro consiglio: controllate sempre bene le condizioni del mobile. Guardate se il legno non sia troppo rovinato, che non manchino pezzi fondamentali per cui bisognerebbe spendere troppo per sostituirli. Controllate anche la presenza o meno di buchi causati dai tarli, perché non sempre il problema è risolvibile, ma soprattutto la lavorazione richiederebbe molto più tempo.

Quello che abbiamo scelto noi, a parte la sporcizia e i segni del tempo, ci consente di apportare delle modifiche in relativamente poco tempo.


FASE 2: I MATERIALI


A questo punto vediamo cosa può servirvi: 

  • alcol e pezze per pulirlo nelle diverse fasi di lavorazione
  • levigatrice e carta vetrata a grana 80 - 120 - 220 (se il mobile è piccolo potete anche pensare di eliminare l'eventuale presenza di vernici senza l'ausilio di una levigatrice. Ma ve lo diciamo: sarà abbastanza faticoso!)
  • impregnante opaco incolore per esterni ad acqua (vi consigliamo quello a lunga tenuta)
  • smalto bianco e tortora opaco (o in alternativa qualsiasi altro colore. Vi consigliamo sempre quelli ad acqua, oppure in alternativa potete scegliere qualche vernice specifica per legno. Il costo è più alto, l'effetto finale è differente e non sempre sono reperibili tutti i colori). La scelta del tipo di vernice da utilizzare dipende da voi. Noi abbiamo scelto lo smalto ad acqua per cercare di ricreare l'effetto della chalk paint, ovvero delle vernici a gesso
  • pennelli. Ne bastano due, uno per colore, di medie dimensioni e qualche pennello da ritocco più piccolo per curare i dettagli. (Ricordate di lavarli subito dopo con acqua calda e sapone neutro per evitare che si rovinino!)
  • vernice di finitura opaca e protettiva (sempre ad acqua)
  • spugnetta in acciaio
  • maniglia o pomelli a scelta da applicare che ricordino o si adattino allo stile vintage ed eventuale trapano con punta per legno.
  • guanti, mascherina di protezione, abbigliamento idoneo

FASE 3: RIMOZIONE SPORCIZIA E VERNICI


A questo punto avrete tutto ciò che vi serve per iniziare. Quindi andiamo!

Pulite il mobile con acqua e alcool aiutandovi con una spugnetta, poi sciacquate con acqua. E' sempre preferibile acqua deionizzata che potrete trovare in qualsiasi ferramenta. In alternativa potreste usare l'acqua che fuoriesce dal condizionatore! :-) 

Il nostro mobile ha delle rotelle. Le abbiamo smontate, pulite con una spugnetta in acciaio e con acqua e le abbiamo messe da parte. 
Appena il mobile è ben pulito potete passare alla parte più lunga e noiosa: la rimozione della vernice. Nel nostro caso erano presenti anche diversi segni del tempo e abbiamo usato la levigatrice con carta vetrata a grana grossa (80) soprattutto per rendere i ripiani più omogenei. 

IMPORTANTE: durante la rimozione della vernice dovrete necessariamente indossare una maschera protettiva per naso e bocca. L'ideale sarebbe una maschera con filtri. Utilizzate sempre i guanti per proteggere le mani e occhiali di protezione. 

Se come noi avete scelto uno smalto per colorare il vostro mobile, ricordatevi che il risultato finale è piuttosto omogeneo e coprente, quindi non vi serve rimuovere tutta la vernice, ma solamente un leggero strato per far si che lo smalto aderisca alla superficie.

Dopo aver passato la levigatrice ed una pezza per pulire il mobile, passate nuovamente la levigatrice più velocemente (anche a mano in questo caso) utilizzando la carta vetrata a grana più fine 220). 

Quest'ultimo passaggio dipende dall'aspetto che volete dare al mobile. E in generale la scelta della grana della carta vetrata dipende proprio da questo.
Se volete un aspetto più vintage vi consiglio di usare direttamente carta vetrata a grana più fine per lasciare così inalterati i segni del tempo.

  Levigatura mobile vintageLevigatura mobile vintage

FASE 4: APPLICAZIONE IMPREGNANTE E COLORE


Pulite per bene tutto. 

E adesso possiamo finalmente passare alla fase più divertente per tutti coloro che amano liberare estro e fantasia!

Iniziate applicando una mano di impregnante su tutto il mobile.

L'applicazione dell'impregnate è importante soprattutto in funzione della destinazione del mobile. Noi abbiamo pensato di utilizzarlo come isola in cucina perciò è necessario che l'impregnante sia compatibile con lo smalto che abbiamo scelto (mi raccomando: se si sceglie uno smalto a base d'acqua dovete usare un impregnante ad acqua per evitare reazioni chimiche indesiderate). Dato che un mobile da cucina è sempre soggetto al contatto con l'acqua è bene scegliere uno smalto impermeabile e soprattutto resistente ad eventuali urti! 
Restauro mobile vintage - applicazione verniceMi raccomando, seguite bene le istruzioni riportate sulla confezione e rispettate i tempi di asciugatura tra una mano e l'altra (2 mani per l'impregnante vanno benissimo). Utilizzate sempre dei guanti e mettete un grembiule o degli indumenti di cui non dobbiate preoccuparvi!

Passate lo smalto bianco sulla struttura del mobile e quello tortora sui due ripiani. 

Quando la prima mano sarà ben asciutta passate un quadrato di carta vetrata a grana fine per rimuovere eventuali imperfezioni ed applicate la seconda mano di colore.

Fate asciugare per bene.



Restauro mobile vintage - decapatura shabby chic


Consiglio: la carta vetrata, l'impregnante e le vernici vanno sempre applicate seguendo la direzione delle fibre del legno.

Per ottenere l'effetto shabby chic prendete un pezzettino di carta vetrata a grana fine e passatela nei punti che preferite, seguendo sempre le fibre del legno. Non esagerate o rimuoverete tutta la vernice prima applicata! 

Passando il pezzettino di carta vetrata rimuoverete lo strato superiore di vernice facendo risaltare quello che è rimasto sotto.

Rimuovete la polvere di smalto in eccesso con pezza e pennelli asciutti.




FASE 5: PROTETTIVO FINALE


La vernice andiamo ad usare come strato finale può essere di diversi tipi: incolore opaca trasparente, effetto lucido, cerato, opaco, ecc. Esistono tantissime tipologie in commercio ma ricordatevi sempre che se abbiamo lavorato con colori ad acqua dovrà essere ad acqua.

Noi abbiamo scelto una vernice incolore. In realtà una volta applicato vedrete un leggero alone giallognolo che con il tempo si evidenzierà sempre di più. Ci piace perché da al mobile un aspetto più vintage.  

                       Restauro mobile vintage - decapatura shabby chic Restauro mobile vintage - decapatura shabby chic

FASE 6: RIASSEMBLAGGIO DEL MOBILE


Il nostro mobile inizialmente non aveva nè maniglie nè pomelli. Abbiamo fatto 2 buchi utilizzando trapano e punta per legno e applicato una piccola maniglia.

A questo punto si possono rimontare le ruote.

          Restauro mobile vintage - applicazione pomelli  Restauro mobile vintage - riassemblaggio


Ecco qua il risultato finale! 

Restauro mobile vintage stile shabby chic

Una piccola curiosità. Il mobile che abbiamo scelto veniva utilizzato come appoggio in una stalla negli anni 50. Non è meraviglioso avergli dato una nuova vita?

Se avete suggerimenti scriveteceli, sono sempre ben accetti!
E fateci vedere le foto di ciò che avete realizzato!

A presto :-)



You Might Also Like

0 commenti:

Cosa vi può servire?